Alfonso Chierchia: preso in Molise boss latitante

Alfonso Chierchia: boss latitante della camorra di Torre Annunziata è stato arrestato dai carabinieri in Molise

Il boss Alfonso Chierchia è stato arrestato. I carabinieri lo hanno individuato in Molise, precisamente nel comune di Campodipietra. L’uomo si era reso irreperibile dallo scorso tredici giugno. Aveva, infatti, approfittato di un permesso premio di cinque giorni. Al termine della licenza, però, non è rientrato nella casa circondariale di Vasto, facendo perdere le sue tracce. L’uomo si era nascosto nel sottoscala dell’abitazione.

Gli inquirenti ritengono che il suo gesto possa essere scaturito da un processo ancora in corso, nel quale Alfonso Chierchia rischia una nuova condanna come mandante di un omicidio avvenuto nel 1999. Per il delitto di Aurelio Venditto, infatti, è stata chiesta dalla procura la condanna all’ergastolo. Il processo dovrebbe chiudersi il prossimo settembre.

Chierchia risulta essere tra i maggiori esponenti del clan Fransuà di Torre Annunziata, una cosca alleata con i Gionta. L’omicidio Venditto sarebbe maturato in seguito a contrasti sorti tra il clan di Chierchia e quello rivale, ovvero i “Bicchierini”, per motivi riconducibili alla gestione delle piazze di spaccio.

Alfonso Chierchia non ha ancora del tutto scontato una condanna a dieci anni e otto mesi di reclusione per associazione mafiosa. Secondo gli investigatori, Chierchia, insieme a suo fratello Michele, sarebbe un esponente di primo piano del clan di Torre Annunziata, con interessi che ruotano principalmente attorno al traffico di droga e alle estorsioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *