Camorra a Latina: 10 arresti

Camorra a Latina: arrestate dieci persone, tra cui due persone ritenute vicine al clan Licciardi

La camorra a Latina e, in generale, nel basso Lazio ha già da tempo esteso la sua influenza. L’operazione effettuata dalle squadre mobili di Latina, Roma e Napoli, dal commissariato di Terracina e dal reparto Prevenzione Crimine Abruzzo Latina lo conferma. Dieci persone sono state arrestate degli agenti. Le accuse sono di spaccio di droga ed estorsioni.

In carcere sono finiti anche due persone di origine napoletana. Il principale indagato è Gennaro Marano, soli 20 anni, con legami di parentela nel clan Licciardi di Secondigliano. Da tempo, il giovane partenopeo si sarebbe trasferito a Terracina. Marano è accusato di spaccio di droga, detenzione illecita di armi ed estorsione.

Secondo quanto emerso nel corso delle indagini, Marano avrebbe compiuto un’estorsione ai danni di un’acquirente della droga, sparando colpi di arma da fuoco contro il centro estetico in cui lavorava la ragazza del debitore. Genny Marano, in compagnia di Michele Marano, avrebbe più volte minacciato il ragazzo.

Si tratta di un’operazione molto importante che ha consentito agli investigatori di interrompere le attività illecite di un’organizzazione piuttosto pericolosa. Gli agenti, infatti, sostengono che il gruppo stesse programmando un viaggio in Spagna, con l’obiettivo di entrare in contatto con altri narcotrafficanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *