Due omicidi a Napoli: la camorra torna a sparare

Due omicidi in poche ore nel napoletano: la camorra alza il tiro e ricomincia ad uccidere

Due omicidi nel giro di poche ore nel napoletano. Difficile pensare ad una matrice diversa da quella camorristica. Il primo delitto di una domenica di sangue è avvenuto a Scampia. La vittima è Francesco Angrisano, ritenuto elemento di primo piano del clan Vanella Grassi. Il secondo omicidio si è, invece, verificato in provincia. L’agguato è avvenuto a Crispano. A cadere sotto i colpi d’arma da fuoco di un killer il 52enne Mauro Pistilli. Quest’ultimo pare fosse diventare il referente del clan Cemmano.

Sembra che il clan Cemmano e quello della Vanella Grassi avessero tentato una partnership per il controllo delle piazze di spaccio nell’hinterland napoletano. Da anni il clan Cemmano è in lotta con la cosca Pezzella per la gestione del business degli stupefacenti. Spetterà, ora, agli inquirenti comprendere se davvero i due delitti sono collegati. Resta il fatto che a Napoli la camorra, dopo qualche settimana di pausa, ha ricominciato ad uccidere. Il rischi di nuove faide è, purtroppo, sempre dietro l’angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *