Fabrizio Miccoli, no all’archiviazione: ecco di cosa è accusato

Fabrizio Miccoli: il Gip dice no all’archiviazione, l’ex bomber è accusato di estorsione aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra

Fabrizio Miccoli, i problemi con la giustizia per l’ex attaccante di Serie A non finiscono. Il Gip di Palermo Fernando Sestito ha disposto per l’ex centravanti salentino l’imputazione coatta. Respinta, dunque, la richiesta di archiviazione che era stata fatta dalla Procura di Palermo.

Miccoli è accusato di estorsione aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra. Il giudice ritiene che la posizione del giocatore vada approfondita. In particolare, bisognerà capire se e fino a che punto Miccoli è coinvolto nella estorsione ai danni dell’ex proprietario di una discoteca di Isola delle Femmine.

Miccoli fu intercettato in una conversazione con il figlio di un boss. Nella conversazione il centravanti apostrofava il giudice Falcone con parole poco felici. Non ci sono, comunque, accuse per questo episodio che, però, è finito agli atti. Le indagini avrebbero, comunque, dimostrato una certa vicinanza tra Miccoli e gli ambienti mafiosi nel corso della sua esperienza da calciatore a Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *