Rione Traiano: si torna a sparare, feriti due incensurati

Rione Traiano: la camorra torna a sparare nel quartiere ormai divenuto noto per le stese. Feriti due incensurati

Si torna a sparare al Rione Traiano. Ancora una volta, la dinamica potrebbe essere quella che riconduce alle stese di camorra. Si tratta di una pratica pericolosissima che rischia di mettere in pericolo la vita di tante persone. Anche stavolta, non a caso, sono stati due incensurati a farne le spese. Nel quartiere della periferia occidentale di Napoli è in corso, da mesi, una guerra tra clan per la conquista delle piazze di spaccio.

Due persone sono state ferite dalle pallottole esplose nel Rione Traiano. Valentino Esposito, 19 anni, è stato colpito al torace e, al momento della sparatoria, pare si trovasse in sella al suo scooter nei pressi di un bar. Diversi i colpi esplosi, uno dei quali ha ferito al petto il giovane incensurato. Il ragazzo è stato ricoverato presso l’ospedale San Paolo ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. La prognosi è riservata. L’altra ferita è una ragazza di 24 anni, Anna Pulcrano. Secondo la ricostruzione, la donna era affacciata al balcone quando è stata raggiunta da un proiettile che, di striscio, le ha ferito la gamba. Anche lei è stata ricoverata presso l’ospedale San Paolo ma le sue condizioni non desterebbero particolari preoccupazioni.

Gli inquirenti, comunque, indagano sulla vicenda. Non è da escludere che la sparatoria avesse un obiettivo preciso. Infatti, potrebbe non essere casuale il fatto che i colpi siano stati esplosi nei pressi di un bar. Dalle prime ricostruzioni sembra, però, che il locale fosse chiuso per ferie. Il titolare è stato rintracciato dagli investigatori e potrebbe fornire elementi utili alle indagini. Certo è che la situazione nel Rione Traiano rimane preoccupante. Ogni giorno si rischia la vita e nessuno può dirsi tranquillo; anche chi, come abbiamo visto, non ha alcun legame con le organizzazioni criminali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *